ETRA, SIS, Farmabassano: c’è un reale controllo sulle partecipate del Comune?

In occasione dell’approvazione del bilancio 2017 consolidato del Comune (Comune + società partecipate dal Comune: ETRA Spa, SIS Srl, Farmabassano Srl) si è sviluppato un costruttivo dibattito su ruolo, gestione, obiettivi di queste società.
Prima di tutto ho fatto notare che mentre per il bilancio comunale il Consiglio comunale esercita un effettivo e concreto controllo diretto, per il bilancio delle partecipate il controllo è solo indiretto, formale e burocratico, non certamente sostanziale.
È la quarta volta che si ripete questo adempimento annuale di approvazione del documento consuntivo consolidato: quattro anni in cui ho espresso la necessità di porre in essere e formalizzare delle regole concrete di controllo; finalmente l’Amministrazione ha preso consapevolezza del tema e ha confermato che saranno predisposte delle linee guida sull’esercizio del controllo effettivo di queste società.
Capitolo a parte per la società partecipata ETRA: più che essere una società controllata, sembra una multiutility che controlla il nostro Comune e gli altri comuni soci.
Per quanto riguarda invece SIS e Farmabassano, per stessa ammissione di questa amministrazione, finora si è fatto poco: effettivamente la trasformazione da Spa a Srl e l’adozione di un revisore unico anziché di un collegio sindacale rappresenta più un adempimento formale che sostanziale.
Se analizziamo lo sviluppo di SIS, che nel 2008 aveva 10 dipendenti a tempo indeterminato e al 31/12/2017 ne ha 46, ci rendiamo conto che, anche solo in base a questo dato, qualche riflessione vada fatta. Ma se ciò non bastasse, ricordo che SIS, oltre a gestire servizi tradizionali come verde pubblico, parcheggi, pulizia dei locali comunali, gestione delle case popolari (servizio tolto a Farmacasa), ecc. ecc., ha contratti di servizio per Biblioteca e Museo civici, e che per Opera Estate Festival le è stato dato un ampio mandato, dalla programmazione fino alla raccolta fondi, ecc…Nulla da dire sull’operato svolto finora dagli amministratori di queste società. Anzi, colgo personalmente l’occasione per ringraziarli per l’impegno e la dedizione che quotidianamente prestano.
Ma detto ciò la questione non cambia: abbiamo due società che operano e sviluppano servizi strategici per la nostra città. A Farmabassano (ex farmacasa) è stato tolto il compito della gestione degli alloggi popolari, e ora si limita a gestire le farmacie comunali di via Ca’ Dolfin e Ca’ Baroncello.
Abbiamo due società che operano di fatto in regime di “monopolio”; hanno entrate certe pluriennali e col passare degli anni hanno sviluppato dimensioni di organico, di struttura e di consistenza economico-finanziaria di tutto rispetto e assunto compiti strategici e insostituibili per il nostro Comune.
Al di là del controllo formale e burocratico, è quindi necessario che ci sia il controllo effettivo e strategico e un chiaro modello di gestione delle stesse. Dopo una necessaria fusione delle due società, le loro dimensioni e i compiti assegnati richiederebbero di passare da un organo amministrativo di stampo “volontaristico” ad un management aziendalistico, con un modello organizzativo fatto di pianificazione a tutti i livelli, di piano industriale e di obiettivi a breve, medio e lungo termine in cui il socio, il Comune di Bassano, chieda controllo e verifica concreta dalla fase di programmazione, al controllo intermedio fino alla verifica consultiva degli obiettivi e dei risultati.
È necessario infine che l’Amministrazione, con lo sguardo rivolto al futuro, faccia una approfondita analisi dell’attuale impostazione delle società partecipate SIS e Farmabassano in termini di benefici e vantaggi rispetto a costi, inefficienze e svantaggi; una valutazione su come queste società si inseriscono nel contesto dell’organigramma generale dei compiti e dei servizi del Comune e se tale risultato esprima il miglior equilibrio tra i diversi criteri di efficienza, di efficacia, di economicità, di semplificazione e di miglior utilità.
Roberto Marin Capogruppo Impegno per Bassano

Foto da Il Giornale di Vicenza dell’11-10-1811_10_18_Sis_Etra_partecipate


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...